ORTICOLARIO 2018 TOP o FLOP?

Si chiude con ben 28.000 presenze la decima edizione di Orticolario, svoltasi a Villa Erba dal 5 al 7 Ottobre.

28.000 VISITATORI, LES JEUX SONT FAITS

L’evento culturale dedicato a chi vive la natura come stile di vita si riconferma un successo. Con tremila presenze in più rispetto allo scorso anno, gli organizzatori si dichiarano soddisfatti. Ma non solo per i numeri, per il senso della meraviglia coltivato e colto durante la tre giorni

«Siamo davvero soddisfatti, è stata un’edizione degna del decimo anniversario, bellezza ed eleganza tra installazioni artistiche e proposte botaniche di grande rilievo – commenta Moritz Mantero, fondatore e presidente di Orticolario. Abbiamo superato le precedenti edizioni e, al di là dei numeri, sentirsi dire da tanti visitatori che è stata la più bella delle dieci edizioni, per lo staff è davvero gratificante, ripaga di un anno intero di lavoro e ricerca».

Tra i momenti clou, venerdì 5, il seguitissimo incontro con Roy Lancaster, che ha ricevuto il premio “Per un Giardinaggio Evoluto 2018”: il vicepresidente dell’RHS, Royal Horticultural Society, volto noto della BBC, vero cacciatore di piante, ha letteralmente conquistato il pubblico durante un avvincente dialogo con Gianfranco Giustina, curatore dei giardini delle Isole Borromee.

Lancaster ha raccontato la sua vita, costellata di avventurosi viaggi in giro per il mondo alla ricerca di nuove varietà e ha espresso il suo amore incondizionato per la natura.

E ancora, durante il conferimento del premio, ha espresso ammirazione nei confronti di Orticolario:

«Sono molto sorpreso di vedere così tanti bambini e così tanti disabili in un evento dedicato al verde, in Inghilterra non è così frequente, nemmeno al Chelsea Flower Show, il più importante tra i garden show. Per questo motivo penso che Moritz Mantero sia un re, una persona lungimirante in grado di capire quanto sia importante avvicinare le nuove generazioni al rispetto della natura».

Concorso “Spazi Creativi”

Di grande interesse anche le premiazioni delle installazioni realizzate nel parco, selezionate dalla giuria del concorso internazionale “Spazi Creativi”. Ad aggiudicarsi il premio “La Foglia d’Oro del Lago di Como”, lo Spazio Green Passion “La Topitta” di Leonardo Magatti, un giardino intuitivo, in cui le piante sono protagoniste di un piacevole disordine controllato.

La “Topitta” è una casetta, un rifugio nel bosco, frutto di pura fantasia: l’atmosfera è fiabesca, lo stile è armonioso fra verbene, salvie, achillee, gaure, Aster, veroniche, anemoni, echinacee, Cleome e sementi di prato fiorito naturale. La giuria ha apprezzato la capacità di creare uno spazio evocativo del mondo della fiaba e dell’infanzia, attraverso l’uso di materiali naturali da sempre utilizzati per la costruzione di giochi nei boschi e nei giardini, materiali di recupero e dal fascino antico.

“La Topitta” ha ricevuto anche il premio “Gardenia” e il premio “Stampa”.

Si ricorda che la finalità di Orticolario è promuovere la cultura del paesaggio e raccogliere fondi per associazioni del territorio impegnate nel sociale, attive nella realizzazione della manifestazione.

Gli organizzatori, a gioco finito, hanno già lo sguardo rivolto al 2019, quando dal 4 al 6 ottobre si svolgerà l’undicesima edizione. Un nuovo capitolo, un nuovo sogno da realizzare.

La mia impressione…

Un Orticolario dall’atmosfera coinvolgente, Villa Erba una location sempre più incantevole, una selezione di vivai inusuale… Allestimenti magici, profumi avvolgenti e colori entusiasmanti…

Ho amato la Topitta e i suoi creatori, le sculture di ceramica in riva al lago dell’Arch. Nelzi, i tableware di Officinando, l’allestimento Tropical del Vivaio Cappellini, Villa Erba e la sua insuperabile bellezza… Non meno importante… i meravigliosi carrellini viola, trainati dallo staff del servizio di facchinaggio di Orticolario, carichi di piante, fiori acquistati dai visitatori, dai colori carismatici che hanno animato per tre giorni i percorsi pedonali.

Officinando.com per ETHIMO

Animum Ludendo Coles

Bosco Pop

Il labirinto

Non solo piante, fiori e giardini creativi, ma anche Arte da vivere, è il caso di OOOMMM di Stefano Ogliari Badessi, una scultura di seta nella quale poter praticare Yoga e ancora Galp – Galleria La Perla con Superheroes series di Silvia Trappa…

“OOOMMM” di Stefano Ogliari Badessi – Yoga in Opera

Superheroes series_Galp – Galleria La Perla

Niente di convenzionale, non è stata la classica esposizione di fiori e piante, sono riuscita a percepire un’atmosfera nuova, ricca di passione per il mondo vegetale e l’arte, un connubio perfetto espressione dello star bene…

Orticolario quest’anno si è distinto per una crescente qualità degli espositori e degli allestimenti, con vere e proprie “chicche” vegetali e di artigianato artistico.

Il mio voto per Orticolario 2018… Assolutamente TOP!… e voi cosa ne pensate?

Inoltre è stata un’importante occasione per arricchire la mia photo gallery Instagram, con tantissime ispirazioni green, vi  lascio al mio album di Orticolario 2018

 

 

Scritto da Silvia Ramieri

Io sono Silvia Ramieri, nella vita sono un architetto paesaggista e da qualche anno mi diletto a scrivere e condividere i miei interessi online. Bloggergreen é la vetrina dei miei pensieri, in cui condivido esperienze, notizie che ci insegnano a conoscere il mondo al di fuori della nostra casa.