Open Border, la frontiera fittizia dello studio AtelierARI

‘Open Border’, l’installazione dello studio Atelier ARI di Rotterdam, in risposta al clima di tensione politica diffuso in tutto il mondo.

fonte: designboom by Atelier ARI

L’installazione consiste in un lungo “muro” rosso, che attraversa il fiume Assiniboine in Winnipeg, Canada, pista di pattinaggio sul ghiaccio nei mesi invernali. Open Border si estende per quasi 4 metri di altezza e con il suo colore rosso, crea un forte contrasto visivo con il paesaggio innevato circostante e la sinuosa pista di pattinaggio sul ghiaccio.

fonte: designboom by Atelier ARI

Atelier ARI ha inaugurato l’installazione “open border” a fine Gennaio, con la collaborazione dello studio di architettura canadese, Sputnik Architecture, come parte del 2017 Warming Huts Competition, competizione che invita artisti e architetti a costruire installazioni lungo il sentiero di pattinaggio sul ghiaccio.

fonte: designboom by Atelier ARI

Open Border è composto da una doppia parete formata da strisce isolanti rosse. I Pattinatori e i pedoni possono attraversare la frontiera per tutta la sua lunghezza. Tra le due pareti si creano una serie di spazi interconessi, che mantengono il vento freddo fuori. All’interno del ‘muro’ l’atmosfera è più calda, un luogo accogliente che invita le persone a interagire, giocare e soffermarsi.

fonte: designboom by Atelier ARI

fonte: designboom by Atelier ARI

fonte: designboom by Atelier ARI

La struttura portante è fissata al terreno mediante semplici assi di legno dipinti di rosso, ai quali sono fissate lastre rosse di PVC.  

‘Open Border’ è destinata a rimanere sul ghiaccio fino a quando, con l’arrivo della primavera, non tornerà ad essere un corso fluviale.

Questa installazione nasce in un periodo di contrasto politico, in cui l’attuale presidente degli USA, ha confermato i suoi piani: costruire un muro lungo il confine con il Messico e di vietare l’ingresso negli Stati Uniti alle persone provenienti da diversi paesi mussulmani.

fonte: designboom by Atelier ARI

Di conseguenza, questa installazione, apparentemente minacciosa, è in realtà una frontiera fittizia, che le persone possono facilmente attraversare e con cui possono giocare. 

fonte: designboom by Atelier ARI

Dati di progetto:

Designer Atelier Ari
2017,Winnipeg,Canada
In collaboration with Sputnik Architecture, 
The Forks,Winnipeg & buildwrightdevelopments
Photo's by Atelier ARI

fonte e fonte immagini designboom by Atelier ARI
Article by Silvia Ramieri

Io sono Silvia Ramieri, nella vita sono un architetto paesaggista e da qualche anno mi diletto a scrivere e condividere i miei interessi online. Bloggergreen é la vetrina dei miei pensieri, in cui condivido esperienze, notizie che ci insegnano a conoscere il mondo al di fuori della nostra casa.

Be the first to comment

Lascia un commento