Il rilancio dei Giardini di Boboli, un tesoro da salvaguardare e valorizzare

Giardini di Boboli sono un vero e proprio museo a cielo aperto, un polmone verde nel centro della città di Firenze, un autentico parco monumentale. Uno dei più noti giardini all’italiana al mondo e modello per molti palazzi reali europei, dal 2013 Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Questi maestosi e incantevoli giardini ospitano antiche specie di lecci, sculture, fontane, un giardino ricco di “architetture verdi” ornate di sculture. Il suo modello fu il prototipo originale che ispirò molti dei giardini reali europei, in particolare Versailles.

Lecci, cipressi secolari e geometriche siepi di bosso, ma anche pregiate specie di rose e dalie, rare piante acquatiche venute da lontano e la collezione di camelie di origine seicentesca. Il Giardino degli Ananassi con le essenze esotiche di Filippo Parlatore e alle cultivar cinquecentesche della ricchissima raccolta di agrumi in vaso. Un tesoro di storia e cultura da salvaguardare e valorizzare.

Oggi Firenze si prepara a un rilancio per i giardini di Boboli, nasce a questo scopo l’inedita figura del Curatore del Patrimonio Botanico di Boboli, nella persona di Bianca Maria Landi che coordinerà il lavoro di architetti, storici dell’arte, archeologi, tecnici e ricercatori, per dare finalmente il giusto valore al verde storico e perpetuarne il delicato patrimonio.

Si inizierà con una mappatura aggiornata delle specie vegetali, procedendo con ricerche sulle specificità del giardino all’italiana di Palazzo Pitti. Il rilancio ha come obiettivo anche il ritorno di Boboli nelle grandi manifestazioni internazionali dedicate ai parchi delle residenze reali europee.
Un modo per salvare l’eredità agraria, forestale e floreale di Boboli, che nella sua ricchezza e configurazione storica è unica al mondo.

 

fonte: arte.it

Article by Silvia Ramieri

Io sono Silvia Ramieri, nella vita sono un architetto paesaggista e da qualche anno mi diletto a scrivere e condividere i miei interessi online. Bloggergreen é la vetrina dei miei pensieri, in cui condivido esperienze, notizie che ci insegnano a conoscere il mondo al di fuori della nostra casa.

Be the first to comment

Lascia un commento